La dieta senza glutine non é e non deve essere monotona !

La natura fortunatamente ci offre tantissimi cereali che sono naturalmente SGlutinati, e imparare a utilizzarli in cucina al loro stato originale fa bene sia alla salute che all’umore !

Sono tre i cereali e pseudocereali senza glutine che vorrei presentarvi oggi. Sono più o meno diffusi sugli scaffali dei nostri supermercati e molto probabilmente spesso si ignora il fatto che sono senza glutine, ottimi a livello nutrizionale e facilmente utilizzabili in cucina.
farina di miglioIl Miglio viene troppo spesso considerato solo come becchime per uccelli da compagnia, ma in realtà é un cereale molto gustoso e versatile.
Il valore dietetico è elevato, per il discreto tenore in proteine (11% in peso) (simile a quello del grano, vietatissimo a noi Sglutinati), sali minerali e fibra grezza. È inoltre ricco di vitamine A e del gruppo B, specialmente niacina, B6 e acido folico, calcio, ferro, potassio, magnesio e zinco.
Le proporzioni per la cottura sono 1 bicchiere di miglio = 2 bicchieri di acqua.
L’amaranto é uno pseudocereale relativamente poco conosciuto in Europa, originario del centro America. Alle nostre latitudini potete trovare la pianta in un salotto usata come ornamento !
Ricco di proteine, fino al 16%, con elevato valore biologico, l’amaranto, rispetto ai cereali, contiene il doppio di lisina, amminoacido essenziale di cui sono carenti quasi tutti i cereali. Ha un elevato contenuto di calcio, di fosforo, di magnesio e di ferro. Grazie inoltre all’elevato contenuto di fibre, ha un effetto positivo sulla digestione e sul ricambio.
Le proporzioni per la cottura sono 1 bicchiere di amaranto = 3 bicchieri di acqua.

Anche la Quinoa é uno pseudocereale con le medesime origini dell’amaranto, ma con un utilizzo in cucina decisamente maggiore in Europa rispetto al primo.quinoa bio senza glutine

Contiene fibre e minerali, come fosforo, magnesio, ferro e zinco. È anche un’ottima fonte di proteine vegetali, poiché contiene tutti gli amminoacidi essenziali (fatto raro nel regno vegetale) e in proporzioni bilanciate, che corrispondono alle raccomandazioni dell’OMS. Contiene inoltre grassi in prevalenza insaturi.
Le proporzioni per la cottura sono 1 bicchiere di quinoa = 2 bicchieri di acqua.

Questi tre ingredienti senza glutine possono essere sostituiti al riso in tutte le sue preparazioni, utilizzati per fare delle crocchette e degli sformati, semplici al vapore come accompagnamento, come base senza glutine per un cous cous. Basta solo un po’ di fantasia e qualche ricetta per fare pratica.

Ormai miglio, amaranto e quinoa sono ben commercializzati e facilmente reperibili anche nei normali supermercati ; ma, per andare a colpo sicuro, vi consigliamo di recarvi in un negozio specializzato in prodotti senza glutine, o di prodotti biologici e vegetariani (come la catena NaturaSì, che commercializza anche piatti pronti freschi con questi ingredienti di base).

Commenta