La ricettina di oggi è preparata con il rombo chiodato, che è uno tra i pesci più pregiati che vivono nelle nostre coste, dal sapore delicato e dalle carni bianche morbide e delicate, ricche di sali minerali, proteine e con pochi grassi. E’ importante che sia freschissimo, lo si riconosce dalle carni sode, dal buon odore e dalle branchie rosee. Io l’ho fatto sfilettare dal pescivendolo per essere sicura che le delicate carni non si rovinassero.
 
Ho pensato di preparalo alla “mugnaia” ovvero con un metodo davvero semplice semplice: questo tipo di preparazione consiste nell’infarinare e rosolare nel burro (io chiarificato perché resiste bene alle alte temperature) i filetti di pesce, per poi condirli con succo di limone e prezzemolo tritato che io ho aggiunto successivamente alla foto, a fresco.
 
4 filetti di  rombo chiodato
50g di burro chiarificato per la cottura + 30g di burro per il condimento
il succo di 1 limone
sale rosa dell’Himalaya
farina di riso finissima
prezzemolo tritato
peperoni e zucchine
 
 
Preriscaldare il forno a 75/80° . Salare i filetti di rombo e passarli nella farina di riso finissima e friggerli nel burro chiarificato per qualche minuto girandoli a metà cottura. Scolarli e tenerli al caldo nel forno. Prendere il burro rimanente (eliminate quello servito per la cottura dei filetti) e scioglietelo facendolo diventare color nocciola. Prendere i filetti tenuti al caldo e versarvi il burro fuso, spruzzare con il succo di limone e ricordatevi il prezzemolo tritato. Io li ho accompagnati con peperoni e zucchine grigliate condite con sale ed olio.

Ricetta di Monica di La Pentola Senza Glutine


Commenta